area riservata | contatti

[27.07.2011] Inaugurazione

Per la cui realizzazione sono stati investiti complessivamente circa 2 milioni di euro – lo stabile è stato voluto dai produttori di Valdobbiadene (sono circa 600i soci ). È stata l’occasione per ‘incontrare’ il meraviglioso territorio di queste colline. Uno spazio che si candida a patrimonio dei siti Unesco come paesaggio culturale, dove l’ambiente è in forte interazione con l’uomo. La caratteristica del suolo, il particolare microclima e la forma delle colline lo rendono unico.

“Val D’Oca & Sapori” è stato progettato per promuovere assieme al Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G., le produzioni gastronomiche tipiche. Così è nato uno spazio per organizzare degustazioni, incontri a tema, eventi dedicati al Prosecco accanto alle eccellenze dei prodotti locali per un viaggio del gusto, della tradizione e della cultura.

Il wine center, si sviluppa su un’area di 3.390 metri cubi (su due piani e un piano interrato), è situato a pochi metri della “Cantina Produttori di Valdobbiadene”, in frazione di S. Giovanni, cuore dell’area dedicata alla D.O.C.G.

“Abbiamo voluto rafforzare il legame che unisce Val D’Oca con Valdobbiadene, un’unione iniziata sessant’anni fa, quando i produttori della zona si sono riuniti in Consorzio – afferma il presidente di Val D’Oca, Antonio Gatto. In questo percorso – continua Gatto – siamo in totale sintonia con gli obiettivi che si sono poste le organizzazioni dei produttori e le istituzioni all’indomani del riconoscimento della D.O.C.G.
E’ necessario un grandissimo impegno comunicativo nel far conoscere le specificità del Valdobbiadene Prosecco Superiore e Val D’Oca è in prima linea per contribuire all’affermazione di un’identità sempre più forte in Italia ma soprattutto all’estero”.

“Il progetto “Val D’Oca & Sapori “– spiega Aldo Franchi, Direttore della Cantina – è concepito all’insegna della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico. L’edificio è costruito con materiali naturali di origine locale, è dotato di un impianto fotovoltaico, di climatizzazione con sonda geotermica e pompa di calore geotermica. L’illuminazione, l’interior design esprimono concetti di naturalità, semplicità e calore, privilegiando il senso di accoglienza e il benessere del visitatore.”
Il progetto architettonico del wine center è nato da un Concorso d’idee proposto da Val D’Oca a studenti delle Facoltà di Architettura e neolaureati non ancora iscritti all’Albo. I tre giovanissimi architetti vincitori – tutti intorno ai trent’anni di età – del Gruppo de_ro_ma hanno avuto così il loro primo incarico professionale.

La parola chiave che caratterizza l’edificio che ospita “Val D’Oca & Sapori” è osmosi: l’ala adibita alle degustazioni e agli eventi permette di osservare il paesaggio circostante attraverso grandi vetrate che si proiettano all’esterno. Dal terrazzo dell’edificio si gode una perfetta visione del paese di S. Pietro in Barbozza e della collina del Cartizze: con un colpo d’occhio veramente emozionante.
L’elemento che simboleggia la commistione tra interno ed esterno è un grande muro insegna, una contro facciata in alluminio verniciato che riproduce il magico gioco delle ‘bollicine’ del Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G., particolarmente affascinante nelle ore serali, grazie al gioco di led multicolori che mimano la risalita del perlage nel bicchiere. E’ una parete che viene forata, ispessita e annullata, divenendo progressivamente parapetto e recinzione, fino a smaterializzarsi davanti al fronte principale dell’edificio dell’azienda Val D’Oca.

Protagonista di “Val D’Oca & Sapori” è il prodotto-simbolo di queste terre, il Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G, un vino che racchiude storia, cultura ed è risorsa economica. La vite a Valdobbiadene ha trovato il suo luogo ideale e la mano dell’uomo fa il resto. La D.O.C.G. Conegliano-Valdobbiadene è prodotta in un’area di soli 15 Comuni con vigneti coltivati tra i 50 e i 500 metri d’altezza, sui versanti sud delle Prealpi .

Il vitigno base è la varietà ‘Glera’ (nome storico del Prosecco). Questa vite cresce su suoli di varia natura, esposizioni soleggiate, pendenze e quote differenti. Il vino che ne deriva è caratterizzato da un bouquet delicato e note eleganti che si ritrovano negli Spumanti firmati “Val D’Oca”. La gamma degli spumanti prodotti dall’azienda è ampia: parliamo del “Cartizze”, prodotto con le uve provenienti dai ripidi pendiidi un’area limitata a pochi ettari; dello spumante ”Uvaggio Storico” una riedizione dei vitigni più antichi del Prosecco; il Cru chiamato “Rive di Colbertaldo” uno spumante in limited edition ottenuto da uve coltivate unicamente nella frazione di Colbertaldo nel comune di Vidor; poi il “Millesimato Val D’Oca” spumante 100% da uve Glera, vendemmiate a mano nell’assoluto rispetto dell’annata di produzione particolarmente vocata.

“Val D’Oca & Sapori” sarà aperto al pubblico a partire da domenica 4 Settembre 2011.

Val d’Oca – Cantina Produttori di Valdobbiadene produce Prosecco dal 1952, grazie all’iniziativa dei viticoltori della zona che scelsero di unire le proprie forze per gestire insieme l’intera filiera vitivinicola. Da allora, Val D’Oca è diventata il punto di riferimento della viticoltura locale, con il passare degli anni, è cresciuta fino a ricoprire una posizione importante nel mercato italiano e internazionale. Con ricavi netti nel 2010 di circa 29,5 milioni di euro, in crescita del 12% rispetto al 2009 e 9,6 milioni di bottiglie vendute, la Cantina Produttori di Valdobbiadene Val D’Oca esporta in 31 Paesi. Sono circa 600 i produttori consorziati che condividono il progetto aziendale di Val d’Oca che unisce all’esperienza e alla tradizione l’impulso all’innovazione e agli investimenti nelle tecnologie produttive.
Oggi Val D’Oca vede il suo principale ambito di attività nella produzione di Prosecco, con 714 ettari di superficie vitata, dei quali il 90% è destinato a questo tipo di prodotto il quale è diventato un brand conosciuto in tutto il mondo. Dal 1° aprile 2010, il Valdobbiadene Prosecco, ha iniziato ad essere commercializzato con la classificazione D.O.C.G. (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), passando così a “Valdobbiadene Prosecco Superiore”. L’obiettivo primario dell’azienda vitivinicola di Valdobbiadene è di offrire al consumatore un vino di alta qualità, controllato lungo tutta la filiera produttiva: ‘dalla vite alla bottiglia’ .

Per la cui realizzazione sono stati investiti complessivamente circa 2 milioni di euro – lo stabile è stato voluto dai produttori di Valdobbiadene (sono circa 600i soci ). È stata l’occasione per ‘incontrare’ il meraviglioso territorio di queste colline. Uno spazio che si candida a patrimonio dei siti Unesco come paesaggio culturale, dove l’ambiente è in forte interazione con l’uomo. La caratteristica del suolo, il particolare microclima e la forma delle colline lo rendono unico.

“Val D’Oca & Sapori” è stato progettato per promuovere assieme al Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G., le produzioni gastronomiche tipiche. Così è nato uno spazio per organizzare degustazioni, incontri a tema, eventi dedicati al Prosecco accanto alle eccellenze dei prodotti locali per un viaggio del gusto, della tradizione e della cultura.

Il wine center, si sviluppa su un’area di 3.390 metri cubi (su due piani e un piano interrato), è situato a pochi metri della “Cantina Produttori di Valdobbiadene”, in frazione di S. Giovanni, cuore dell’area dedicata alla D.O.C.G.

“Abbiamo voluto rafforzare il legame che unisce Val D’Oca con Valdobbiadene, un’unione iniziata sessant’anni fa, quando i produttori della zona si sono riuniti in Consorzio – afferma il presidente di Val D’Oca, Antonio Gatto. In questo percorso – continua Gatto – siamo in totale sintonia con gli obiettivi che si sono poste le organizzazioni dei produttori e le istituzioni all’indomani del riconoscimento della D.O.C.G.
E’ necessario un grandissimo impegno comunicativo nel far conoscere le specificità del Valdobbiadene Prosecco Superiore e Val D’Oca è in prima linea per contribuire all’affermazione di un’identità sempre più forte in Italia ma soprattutto all’estero”.

“Il progetto “Val D’Oca & Sapori “– spiega Aldo Franchi, Direttore della Cantina – è concepito all’insegna della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico. L’edificio è costruito con materiali naturali di origine locale, è dotato di un impianto fotovoltaico, di climatizzazione con sonda geotermica e pompa di calore geotermica. L’illuminazione, l’interior design esprimono concetti di naturalità, semplicità e calore, privilegiando il senso di accoglienza e il benessere del visitatore.”
Il progetto architettonico del wine center è nato da un Concorso d’idee proposto da Val D’Oca a studenti delle Facoltà di Architettura e neolaureati non ancora iscritti all’Albo. I tre giovanissimi architetti vincitori – tutti intorno ai trent’anni di età – del Gruppo de_ro_ma hanno avuto così il loro primo incarico professionale.

La parola chiave che caratterizza l’edificio che ospita “Val D’Oca & Sapori” è osmosi: l’ala adibita alle degustazioni e agli eventi permette di osservare il paesaggio circostante attraverso grandi vetrate che si proiettano all’esterno. Dal terrazzo dell’edificio si gode una perfetta visione del paese di S. Pietro in Barbozza e della collina del Cartizze: con un colpo d’occhio veramente emozionante.
L’elemento che simboleggia la commistione tra interno ed esterno è un grande muro insegna, una contro facciata in alluminio verniciato che riproduce il magico gioco delle ‘bollicine’ del Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G., particolarmente affascinante nelle ore serali, grazie al gioco di led multicolori che mimano la risalita del perlage nel bicchiere. E’ una parete che viene forata, ispessita e annullata, divenendo progressivamente parapetto e recinzione, fino a smaterializzarsi davanti al fronte principale dell’edificio dell’azienda Val D’Oca.

Protagonista di “Val D’Oca & Sapori” è il prodotto-simbolo di queste terre, il Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G, un vino che racchiude storia, cultura ed è risorsa economica. La vite a Valdobbiadene ha trovato il suo luogo ideale e la mano dell’uomo fa il resto. La D.O.C.G. Conegliano-Valdobbiadene è prodotta in un’area di soli 15 Comuni con vigneti coltivati tra i 50 e i 500 metri d’altezza, sui versanti sud delle Prealpi .

Il vitigno base è la varietà ‘Glera’ (nome storico del Prosecco). Questa vite cresce su suoli di varia natura, esposizioni soleggiate, pendenze e quote differenti. Il vino che ne deriva è caratterizzato da un bouquet delicato e note eleganti che si ritrovano negli Spumanti firmati “Val D’Oca”. La gamma degli spumanti prodotti dall’azienda è ampia: parliamo del “Cartizze”, prodotto con le uve provenienti dai ripidi pendiidi un’area limitata a pochi ettari; dello spumante ”Uvaggio Storico” una riedizione dei vitigni più antichi del Prosecco; il Cru chiamato “Rive di Colbertaldo” uno spumante in limited edition ottenuto da uve coltivate unicamente nella frazione di Colbertaldo nel comune di Vidor; poi il “Millesimato Val D’Oca” spumante 100% da uve Glera, vendemmiate a mano nell’assoluto rispetto dell’annata di produzione particolarmente vocata.

“Val D’Oca & Sapori” sarà aperto al pubblico a partire da domenica 4 Settembre 2011.

Val d’Oca – Cantina Produttori di Valdobbiadene produce Prosecco dal 1952, grazie all’iniziativa dei viticoltori della zona che scelsero di unire le proprie forze per gestire insieme l’intera filiera vitivinicola. Da allora, Val D’Oca è diventata il punto di riferimento della viticoltura locale, con il passare degli anni, è cresciuta fino a ricoprire una posizione importante nel mercato italiano e internazionale. Con ricavi netti nel 2010 di circa 29,5 milioni di euro, in crescita del 12% rispetto al 2009 e 9,6 milioni di bottiglie vendute, la Cantina Produttori di Valdobbiadene Val D’Oca esporta in 31 Paesi. Sono circa 600 i produttori consorziati che condividono il progetto aziendale di Val d’Oca che unisce all’esperienza e alla tradizione l’impulso all’innovazione e agli investimenti nelle tecnologie produttive.
Oggi Val D’Oca vede il suo principale ambito di attività nella produzione di Prosecco, con 714 ettari di superficie vitata, dei quali il 90% è destinato a questo tipo di prodotto il quale è diventato un brand conosciuto in tutto il mondo. Dal 1° aprile 2010, il Valdobbiadene Prosecco, ha iniziato ad essere commercializzato con la classificazione D.O.C.G. (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), passando così a “Valdobbiadene Prosecco Superiore”. L’obiettivo primario dell’azienda vitivinicola di Valdobbiadene è di offrire al consumatore un vino di alta qualità, controllato lungo tutta la filiera produttiva: ‘dalla vite alla bottiglia’ .

Pin It

Comunicazioni

Credits

design by Grafica360

development by Simple

×