area riservata | contatti

Prosecco: boom di vendite nel mondo

Il prosecco nel mondo: un eccezionale fenomeno di mercato

Anche nel 2015, il prosecco si conferma come il vino italiano più venduto nel mondo.
Proseguendo in un trend positivo che dura, ormai, da oltre un decennio, la produzione e la vendita di prosecco sta toccando cifre incredibili: circa mezzo miliardo di bottiglie prodotte in un anno e una crescita costante delle vendite, con incrementi percentuali a doppia cifra registrati anno dopo anno.

prosecco-boom vendite

Questo autentico boom nella vendita prosecco nel mondo è dovuto alla qualità superba della materia prima, ma soprattutto all’attenzione riservata ai processi produttivi. Grazie ad una normativa nazionale tesa a valorizzare l’eccellenza italiana,  la produzione di questo pregiato spumante deve seguire dei passaggi obbligati che garantiscono la qualità del prodotto finale. Tutto ciò è sintetizzato nell’ottenimento della Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) da parte del Prosecco “Conegliano Valdobbiadene”.

Vendite di prosecco superiori a quelle dello champagne

Il migliore spot a favore di questo gioiello da tavola nostrano è il clamoroso sorpasso effettuato ai danni dello champagne francese. Complice anche il differente procedimento di rifermentazione, che nello champagne esige tempi molto più lunghi, negli ultimi anni i dati di vendita prosecco segnano numeri superiori a quelli del rivale “transalpino” riguardo al numero di bottiglie vendute.

A testimoniare la diffusione ormai planetaria del prosecco c’è la presenza di nuovi mercati che hanno scoperto il gusto irresistibile delle italiche bollicine: importanti realtà come la Russia e la Cina sono diventate grandi importatrici di prosecco e l’immenso bacino di utenza che rappresentano contribuisce in modo sostanzioso ad alimentare il record vendita prosecco a livello globale.

Ovviamente, capisaldi delle esportazioni di questo fortunato spumante rimangono i Paesi anglosassoni: negli Stati Uniti le vendite di vino italiano rappresentano più del 30% nel settore dei vini importati; tra gli spumanti importati dagli USA la parte del leone la fa il prosecco, così come accade da sempre nel Regno Unito, in Canada e in Germania. L’esportazione di prosecco nel mondo sta conoscendo anche nuovi lidi, come ad esempio in America Centrale e nell’Europa nord-orientale, ma soprattutto in Giappone ed Estremo Oriente.

Un traino per l’economia nazionale

Non a caso, sull’onda di questo record di vendite del prosecco, diverse Regioni italiane si interessano oggi alla possibilità di piantare le varietà tipiche presenti nei vitigni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia (in particolare il Glera), sondando la possibilità di utilizzare, in fase di vendita del prodotto, il nome di “prosecco”.

Secco, frizzante e leggermente fruttato, questo vino apprezzato da secoli in Italia ha ormai varcato i confini di tutto il mondo, diventando uno dei cardini di prestigio del Made in Italy alimentare, e rappresentando oggi un fattore chiave per il rilancio dell’intera economia del settore.

Scopri lo store online di Val D’Oca e acquista il Prosecco DOCG direttamente da casa via shop.valdoca.com.

Pin It

Curiosità

Credits

design by Grafica360

development by Simple

×