area riservata | contatti

Cocktail mimosa: Prosecco e succo d’arancia

Che piacere potersi regalare un aperitivo profumato, dal gusto leggermente femminile ma capace di entusiasmare con il suo aroma anche il sesso forte! Un cocktail mimosa, per esempio, assicura a tutti un eccellente inizio di serata.

Questo cocktail, a bassa gradazione alcolica, soddisfa pienamente gli amanti dello spumante, dal momento che lo si ottiene mescolando in parti uguali prosecco e succo d’arancia. Aggiungendo al tutto un pizzico di zucchero, nel caso si sia particolarmente golosi, si può quindi procedere con lo shaker agitandolo per qualche minuto prima di versare il drink nei bicchieri, meglio se decorati con un rametto di mimosa. Il risultato di questo cocktail con prosecco è un aperitivo fresco e profumato. Prima di consumarlo occorre farlo raffreddare in frigorifero, dal momento che il Mimosa a temperatura ambiente perde molto del suo fascino. Servito con finger food è sempre gradito, specie in inverno quando le arance sono particolarmente succose e aromatiche, ma la sua destinazione ideale è sicuramente l’8 marzo, Festa delle donne da celebrare con le mimose, anche se rimangono nascoste nel nome di un aperitivo.

cocktail-mimosa

Una volta individuate le arance migliori è necessario procedere nella scelta del prosecco più adatto, meglio se frizzante e non particolarmente dolce. Il Biologico Bioldo, per esempio, saprà creare una perfetta sinergia fra le sue note leggermente fruttate e il sapore del succo d’arancia che, grazie al perlage, si diffonderà oltre il bicchiere portando nell’aria il suo delicato aroma. Ideale per questo aperitivo anche il Prosecco Blu, dal perlage vivace, dal sapore fruttato, e dalla capacità di saper calibrare alla perfezione acidità, intensità, alcolicità e morbidezza del gusto. Sempre fra i Prosecchi Val D’Oca si può prendere in considerazione anche lo Spago Giallo, ancora più frizzante rispetto ai precedenti e con un bouquet che, evocando fiori bianchi, ananas e mela Golden si sposa a meraviglia con l’aroma del succo di arancia.

La felice unione tra prosecco e succo d’arancia dà vita a un cocktail che, oltre al palato, soddisfa anche la vista e conquista con le sue delicate tonalità luminose e solari, proprio come il fiore al quale si ispira. Alle spalle il Mimosa ha una lunga storia che lo vede nascere a Londra nel 1921, ad opera di un barman del Buck’s Club. Qualche anno più tardi i francesi raccolsero la sfida e crearono una loro versione del Mimosa che venne orgogliosamente servita al Ritz accompagnata da granatina e ciliegie, pur mantenendo inalterato il nome del soffice fiore.

Pin It

Ricette

Credits

design by Grafica360

development by Simple

×